Blog ufficiale del sito gundamuniverse.it

Mangasia: Wonderlands of Asian Comics: una mostra da visitare

Pubblicato il 8 ottobre 2017 alle 18:18 da Debris


Si è aperta il 7 ottobre scorso al Palazzo delle Esposizioni di Roma, la mostra Mangasia: Wonderlands of Asian Comics. Il primo grande evento in Italia dedicato al mondo dei fumetti Asiatici. La manifestazione, proposta al pubblico della capitale in anteprima mondiale, realizzata dal Barbican Centre di Londra, uno dei maggiori centri teatrali e culturali del Regno Unito, offre ai visitatori un percorso diviso in sei aree tematiche nel quale sono esposti oggetti, manufatti, del mondo del fumetto dell’Asia raramente esposti aldifuori dei loro paesi d’origine, e oltre 300 tavole e 200 volumi originali, ma vi sono anche numerosi facsimili digitali.

MangasiaWonderlands of Asian comics

Il curatore della mostra, lo scrittore, saggista ed editore televisivo Paul Gravett, insieme al quale cooperano altri venti specialisti del settore, ha voluto offrire ai visitatori una vera e propria finestra su questo mondo meraviglioso, permettendogli di dare uno sguardo alla complessa ed articolata realtà fumettistica asiatica.

Un viaggio che non si limita a proporre opere provenienti dalle più note patrie del fumetto quali sono il Giappone, la Corea del Sud, Taiwan ed Hong Kong, la Malesia e l’Indonesia, l’India e la stessa Cina. Paul Gravett ed il suo staff hanno alzato lo sguardo verso quelle che sono alcune delle migliori realtà fumettistiche asiatiche emergenti. Nella mostra vengono proposti autori ed esempi della cultura fumettistica che si stà sviluppando in stati come, la Cambogia, il Vietnam, la Mongolia, e perfino in due realtà apparentemente semi isolate quali l’antico regno tibetano del Bhutan, e la neonata repubblica di Timor Est.

Fra gli oggetti proposti la scrivania originale di Takashi Fukutani, autore popolarissimo in Francia. I “Kaavad“, santuari portatili usati dai cantastorie del Rajasthan, abiti usati nei manga e non ultimo il “Mechasobi”. Un Mecha interattivo di ultima generazione creato appositamente per la mostra, su invito del Barbican Centre, da Shoji Kawamori ( Macross, I Cieli di EscaflowneBasquash) L’istallazione consente ai visitatori di “Mangasia” di pilotare un gigantesco robot creato appositamente per la mostra.In sei percorsi tematici la mostra cerca di coprire, riuscendovi, ben duecento anni di storia del fumetto asiatico.

    • MAPPARE MANGASIA: Esplorare come la cultura fumettistica sia stata assimilata nei diversi paesi asiatici. Come le influenze straniere si sono mescolate alle tradizioni locali. Creando nuove suggestive espressioni.
  • “FAVOLE E FOLCLORE”: l’importanza della rilettura fumettistica della tradizione e del mito. Chi ricorda le origini dello “Scimmiotto” ?
  • RICREARE E RIVISITARE IL PASSATO: come fare i conti con il passato attraverso il fumetto.
  • STORIE E NARRATORI: dedicata alle vicende personali di tanti autori.
  • CENSURA E SENSIBILITA: ovvero vale anche in Asia l’idea che “i fumetti sono solo cose per bambini”. Un equivoco che ha provocato e provoca problemi enormi.
  • MANGA MULTIMEDIALI”: il fumetto come fonte, inesauribile, di idee, spunti,per cinema, animazione, videogame e serie TV.

La mostra resterà aperta fino al 21 gennaio 2018. Il costo del biglietto è 12,50 Euro. Certamente da visitare per chi si trovasse nella capitale. Paul Gravett è uno scrittore, specialista, editore e curatore TV che lavora nell’industria del fumetto dal 1981. È autore di molti libri sul tema. Ha anche coordinato numerose mostre sull’arte del fumetto, è co-direttore di COMICA, the London International Comics Festival. Nota in collaborazione con Animeclick. Fonte consultata: L’Espresso #KaikaiKiki

Mangasia: Wonderlands of Asian Comics
Mangasia: Wonderlands of Asian Comics
Mangasia: Wonderlands of Asian Comics
Mangasia: Wonderlands of Asian Comics
Mangasia: Wonderlands of Asian Comics
Mangasia: Wonderlands of Asian Comics
Mangasia: Wonderlands of Asian Comics


Inserito in Mostre, Segnalazioni varie; ha nessun commento
Ancora nessun commento.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Tag Cloud