Gundam Universe Forum
28 Maggio 2020, 03:19:51 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
 
  Sito   Forum   Blog GundamPedia Help Ricerca Ext Gallery Login Registrati  
Pagine: [1] 2   Vai Giù
  Stampa  
Autore Topic: Robotech: le cronache dell'ombra sono fra noi  (Letto 11022 volte)
matte
Visitatore

Nuovo messaggio
« il: 17 Febbraio 2007, 09:47:09 »

finalmente, la Harmony Gold è riuscita a teminare la produzione, ed intraprendere la distribuzione del prequel della nuova serie di Robotech: The Shadow Chronicles. E sono in qualche modo riuscito a metterci le zampe sopra... direi che sia il caso di proporre un piccolo commento...

Introduzione. Ricapitolando la questione, molti ricorderanno che, negli anni '80 esistesse in America un vincolo abbastanza noioso per chiunque volesse trasmettere cartoni animati in TV... l'obbligo, cioè, di proporre un minimo di 60 e rotte puntate. Una vera iattura per l'animazione nipponica, visto che raramente le produzioni animate giapponesi dell'epoca riuscivano a superare la soglia critica di 50 episodi.
Per questo motivo, molti produttori aggiravano il problema mettendo insieme due stagioni dello stesso anime. Emblematico il caso di Space Battleship Yamato, in cui la prima e la seconda stagione vennero fuse per essere trasmesse - con un successo clamoroso, in territorio americano: adattamento che arrivò anche a noi, ed è poi il motivo per cui la Gloriosa Uchuu Senkan Yamato è nota al grande pubblico europeo come Nave Spaziale Argo... Ma qui si vanno anche a toccare i tasti dolorosi della seconda guerra mondiale, e quindi l'adattamento un minimo di logica l'aveva... e - tuttosommato, cambiati i nomi dei protagonisti, non risultava nemmeno opprimente.
Altre volte, tali copia & incolla erano meno rispettosi dell'originale, e venivano messe insieme serie che magari NULLA avevano a che fare fra loro, se non una vaghissima somiglianza dei personaggi - del resto non difficile, o dei cattivi. Per esempio: Kasuya Ryusaki, il pilota di Daimos, fu spacciato come il figlio del prode Aktarus di Goldrake... (!!!!) Per non parlare di Voltron/GoLion.
Tornando a noi, dopo il successone di Yamato, in Giappone esplose la moda dei "war dramas". Ovvero, di storie di guerre fantascientifiche costruite intorno al racconto corale di una nave da guerra, e del suo equipaggio. Gundam, ad esempio... ma anche Macross.
Proprio Tatsunoku riuscì a superare tanto ilmodello iniziale, anche a livello di successo, da lanciare una vera e propria moda. Il successo di SDF Macross spinse Sunrise a rilanciare la saga di Gundam (e nacque Z-Gundam, il cui design era volutamente ispirato ai caccia Valkyre di Macross), ed ispirò nientemeno che Ideaki Anno...
Ora, tanto successo spinse la Harmony Gold a portare Macross anche sul mercato americano... considerando anche il possibile entroito da merchandising legato a modellini etc.
Problema: Macross era troppo corto. Mancavano una decina di puntate per raggiungere la soglia critica di trasmissione... non esistendo all'epoca il mercato dell'home video, sembravano non esserci soluzioni... Sembravano.

La Harmony, infatti, acquisì anche due ulteriori serie Tatsunoku, abbastanza simili in tema di look&feel, ma completamente svincolate da Macross - che, infatti, ebbe i suoi seguiti e proseguì lungo la sua propria linea temporale.
E le fuse insieme, diffondendole in America - ed in Europa, con il nome di Robotech.

Poiché la seconda e la terza serie di cui sopra (Southern Cross e Climberg Genesis Mospeada) erano tutt'altro rispetto a Macross, mentre la storia di Macross fu grossomodo risparmiata, le seguenti furono sottoposte a tagli, travisamenti, stravolgimenti più o meno allucinanti, con evidenti incongruenze.
La più evidente era la scomparsa dell'ammiraglio Hunter, sparitoalla fine della prima serie quando, a bordo della fantomatica SDF3, era partito alla caccia dei cattivoni di turno, i Robotech Masters, e continuamente citato nelle serie seguenti, senza (ovviamente) mai fare la propria comparsa.
Orbene: il successo di RObotech fu tanto clamoroso da spingere Harmony a farsi produttore, ed iniziò la serializzazione di Robotech II - stavolta serie fatta ad hoc per il mercato americano in stile giapponese, centrata proprio sulle disgrazie del prode ammiraglio Hunter ... ma, ahimé, interrotta a causa di problemi economici della casa madre.

Finalmente, a quasi vent'anni di distanza, la Harmony è stata in grado di rimettere mano alla storia, con Shadow Chronicles...

Commento. Prima di tutto, i miei complimenti. Come si diceva, il guazzabuglio delle serie precedenti rappresentava un'eredità difficile da gestire, ed era necessario - al momento di intraprendere una nuova serializzazione, mettere un po' d'ordine.
I registi di turno, quindi, hanno scelto di riprendere la storia dove era terminata la serie originale (cioè, Robotech), rivedendo la battaglia finale fra Invid e Corpo di Spedizione dell'Ammiraglio in modo da ridurre al minimo il rapporto con Mospeada pre-adattamento.
L'inizio di R:SC è quindi davvero emozionante, con una battaglia iniziale, di quasi venti minuti, realizzata esclusivamente in computer grafica di alta qualità, e con sapienti tocchi di regia. Da dire che il regista ha imparato la lezione di Galactica 2003: slow motion, giochi con la telecamera virtuale, persino il genere di musica di sottofondo... molte le analogie con questa serie TV che sta facendo sfracelli oltreoceano... scelta condivisibile, e che ha sortito un nettissimo miglioramento nella realizzazione delle battaglie. rispetto al passato - ivi comprendendo anche le battaglie finali di Gundam, finalmente riusciamo a seguirne l'andamento, a capirne la logica... non c'è solo l'autocelebrativo esplodere di mecha e missili... complimenti!
Dopo la battaglia iniziale, che comunque ben poco aggiunge alla storia, salvo presentarci alcuni dei nuovi protagonisti, iniziano le sorprese... soprattutto perché, con mio lieve disappunto, per poter correttamente intepretare il seguito della storia, diventa pressoché essenziale aver letto il fumetto di R:SC, preludio al film... e che, in realtà, ha semplicemente narrato quanto avrebbe dovuto fare Robotech II. In pratica, tale arco temporale ci spiega chi ha fornito la Shadow Technology all'Ammiraglio Hunter, perché gli Invid temessero tanto i Neutron-S missiles, e soprattutto perché, nel bel mezzo della battaglia, lo Shadow System, che rendeva invisibili i caccia federali agli invid, avesse fatto cilecca...
Fumetto che, ricordo, qualche provvido fumettaro italiano ha importato di riffa o di raffa, e che si può trovare anche sul muletto in inglese ed espanol... italiano, nisba.
Con il proseguire della storia, il taglio con il passato di Robotech diventa nettissimo. Questo film, e la serie di cui è prequel, sono di produzione americana, e si vede - sia nel design dei personaggi (in perfetto stile Marvel/DC), che nella costruzione della storia, talora anche molto cruda, sebbene non truculenta.
Dopo un rallentamento a metà del film, la storia riprende, ancor più emozionante, con una battaglia conclusiva ancora una volta ben realizzata, fra i federali, truffati da una tecnologia che si ritorce contro gli utenti, ed i fornitori della stessa... i "Children of the Shadow", nemici giurati degli Invid... ma anche, ed è questo il colpo di scena, dell'umanità... che hanno ben pensato di usare gli uni contro gli altri, ed ora pensano di far piazza pulita di quanto rimasto...
A questo punto, il film si interrompe, aprendo la strada alla nuova ed incombente serie... che io aspetto con molta emozione ed interesse.

Perché, ve l'assicuro, R:SC non è un animé come gli altri. Si tratta di qualcosa che forse non sarà un capolavoro - ma molto si avvicina. Sia per la regia, che per la scrittura, e per l'integrazione CGI con grafica convenzionale...

gente, io ve lo consiglio più che caldamente...
in attesa di una serie che promette di essere emozionante e semplicemente STREPITOSA dal punto di vista grafico...

ciao a tutti![/b]
Loggato
rfadmtetinrbao_
Vice admin
Sergente
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 372




Nuovo messaggio
« Risposta #1 il: 17 Febbraio 2007, 11:04:06 »

Devo dire che la questione mi interessa assai... cool grazie per il riassuntone Very Happy
Loggato

iesDbr
Moderatori
Generale
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 16589



WWW

Nuovo messaggio
« Risposta #2 il: 17 Febbraio 2007, 19:33:00 »

Come dire...questo film è qualcosa da vedere.Molte grazie matteo...davvero grazie.
Loggato

Dio è ovunque ed ha mille nomi, ma non c'è foglia d'erba che non lo riconosca. Siam venuti assieme sulla terra, perchè non spartirne gioie e dolori? Un saggio Sufi.
http://www.gundamuniverse.it/blog/
Milliardo Peacecraft
Visitatore

Nuovo messaggio
« Risposta #3 il: 19 Febbraio 2007, 01:40:38 »

Bah, a me questo Robotech: The Shadow Chronicles sembra il parossismo della mistificazione, tuttavia un motivo all'entusiasmo di matte ci sarà.

A questo punto data la pulce nell'orecchio che ci è stata messa da matte, credo che questo film vada preso in maggior considerazione, ma per farsi un quadro più completo di esso occorrono qualche immagine e qualche informazione in più rispetto al solo trailer visto finora. Così a seguito di ciò mi sono messo in cerca di altro materiale a riguardo, è ho trovato un interessante making of del titolo in questione. È diviso in tre parti, ecco i links:





http://www.youtube.com/watch?v=2RvlPdPl6mw (Embedding disabilitato, limite raggiunto)

Adesso con più immagini e informazioni sento di poter dire che nonostante quello da cui deriva (ossia il censorio montaggio di tre anime senza alcuna relazione tra di loro), in effetti questo film pare interessante, ma ritengo che nonostante il background del così detto Robotech sia necessario per comprenderne la trama, sarebbe meglio prenderlo come film a sé stante per poterlo cogliere appieno.

Quindi, come ho già detto, il film pare interessante. Quel che si nota, è che dal punto vista narrativo del contenuto sembrerebbe esserci, mentre dal punto di vista delle animazioni permangono in me alcune perplessità avute sin dal primo impatto con questo titolo. Su quest'ultimo punto, ho constatato che alcune cose sono fatte bene, invece altre appaiono meno convincenti. Secondo il mio personale parere, ci sarebbe voluto un po' di cell-shading (fatto bene) e un po' più di luminosità in alcune scene che mi sono sebrate troppo scure. Comunque ho visto troppo poco per potere dare un giudizio vero e proprio di questo film, le mie sono solo impressioni date da quel po' che sono riuscito a vedre e sapere a riguardo. In definitiva, però, devo dire che lo scetticismo che avevo all'inizio, e che ben espressi nel topic dedicato a questo titolo nel vecchio forum, adesso si è attenuato.

Quindi senz'altro credo che questo sia un film che valga la pena vedere, il problema è che molto difficilmente c'è lo ritroveremo localizzato nel nostro paese, e visto ciò non resta che confidare in qualche fansub, per cui stiamo a vedere se qualcuno se ne interessa.
Loggato
iesDbr
Moderatori
Generale
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 16589



WWW

Nuovo messaggio
« Risposta #4 il: 19 Febbraio 2007, 08:04:16 »

Ci manca una 4 opinione - ne ho visto una terza su Plusnetwork che era al grido delenda cartago est ma ce l'aveva contro robotech in generale - però a me basta quelle vostre...
Loggato

Dio è ovunque ed ha mille nomi, ma non c'è foglia d'erba che non lo riconosca. Siam venuti assieme sulla terra, perchè non spartirne gioie e dolori? Un saggio Sufi.
http://www.gundamuniverse.it/blog/
matte
Visitatore

Nuovo messaggio
« Risposta #5 il: 19 Febbraio 2007, 15:27:31 »

ciao a tutti...

allora, su R:SC credo valga la pena dissolvere un dubbio che penso interessi tutti - più o meno.

R:SC è il prequel di una nuova serie, fatta ex-novo, che recupera quanto proveniente dalle tre serie mosaico precedenti, e lo ricompone agendo talora d'accetta per rendere coerente ciò che coerente non poteva essere.
Inoltre, e questo piacerà molto a chi presta attenzione a questi dettagli, elimina tutto il look&feel anni '80 per introdurne uno COERENTE ed al passo con i nostri tempi (vedere le uniformi ... e, scusate l'accenno, anche i deretani delle pilotesse... vero fan service sistematico!)...

Non si può, insomma, paragonare REALMENTE al precedente Robotech... va preso come qualcosa di nuovo...
se un paragone si può fare, è con la serie a fumetti.

ciao a tutti
(PS. evento storico... forse, ripeto forse, mi hanno preso a Berlino... vi farò sapere nelle prossime settimane!)
Loggato
ea votGanlA
Soldato
*
Offline Offline

Posts: 34



Nuovo messaggio
« Risposta #6 il: 21 Febbraio 2007, 20:59:11 »

Allora, da fan della serie originale (credo di essere uno dei pochi ad aver avuto il Sentinels della Eternity/Academy illo tempore più buona parte degli spin off) credo di dover dire la mia.

Prima di tutto il tocco americano nella narrazione c'é, e si sente: la storia é priva di una certa naivette presente in Mospeada e l'elemento tecnologico viene pesantemente sviscerato (maggiormente in PTTSC ad essere precisi) mentre quello mistico é vagamente abbozzato. In effetti il paragone con Galactica, basato molto sulla situazione applicata ai rapporti interpersonali, il trek alla ricerca dell'SDF-3 ed il nuovo cibernetico nemico dagli Oscuri Piani, é quantomai adeguato sebbene i nuovi cyloni siano indubbiamente, per ora, più affascinanti nella loro morale ed etica degli Haydoniti che mormorano la loro obbedienza alla Coscienza.

Il riassunto delle serie precedenti viene lasciato volutamente vago per evitare di parlare di Macross per annosi problemi legali (addirittura la parola Zentraedi non viene pronunciata).

La mancanza di conoscenza degli Haydoniti di Louie é inspiegabile: SC é ambientato nel 2044, anni dopo che il 15mo squadrone ha lasciato la Terra e quindi l'ex caporale ATAC dovrebbe avere perlomeno una infarinatura sulle culture aliene e sulla loro tecnologia. In tal senso mi sembra che tra il PTTSC e SC siano discordi sulle origini della Shadow Technology.

La CG non é affatto male ma nemmeno eccelsa: il paragone con Macross Zero é inevitabile e SC ne esce battuto nei combattimenti individuali tra mecha ma la prima battaglia, impostata finalmente in maniera ordinata, militare, possente con i suoi precisi schieramenti é indubbiamente una visione da apprezzare.

La rivisitazione degli episodi 84-85 é stata probabilmente necessaria per la mancanza del cast (dov'é il concerto finale? L'ammucchiata nella sala della Regess con annesso scontro di opinioni? Dove sono gli amati Lunk, Rand, Rook, Annie e Lancer?), ma il fatto che la flotta della REF non sia stata interamente annichilita dalla Fenice di Luce Invid mi ha lasciato perplesso.

Le tette gigantesche e scolpite nella pietra di TUTTI i personaggi femminili (inclusi quelli secondari) mi hanno infastidito. Fan service eccessivo e senza gran classe. Costumi risicatissimi in spandex per una Ariel che nella serie originale era una ragazza dalla fisionomia standard e non certo una porno star.

Una serie di elementi vengono presentati e forse troppo rapidamente risolti (vedi il rapporto tra Marcus e Alex e la xenofobia di quest'ultimo, appena abbozzata) mentre si sarebbero potuti mantenere tranquillamente nella serie prevista.

Globalmente un buon film che però lascia interdetti per alcuni dettagli.
Loggato
iesDbr
Moderatori
Generale
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 16589



WWW

Nuovo messaggio
« Risposta #7 il: 28 Febbraio 2007, 17:15:01 »

Sembrerebbe proprio,da una nota che si trova su ANN che Robotech Shadow Cronicles avrà un seguito...,considerando quel che hai scritto...possiamo dire che in parechi concordano...

 
http://www.animenewsnetwork.com/news/2007-02-27/robotech-the-shadow-chronicles-sequel-movie
Loggato

Dio è ovunque ed ha mille nomi, ma non c'è foglia d'erba che non lo riconosca. Siam venuti assieme sulla terra, perchè non spartirne gioie e dolori? Un saggio Sufi.
http://www.gundamuniverse.it/blog/
iesDbr
Moderatori
Generale
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 16589



WWW

Nuovo messaggio
« Risposta #8 il: 11 Marzo 2007, 09:42:00 »

Bello questo promo...

 
Loggato

Dio è ovunque ed ha mille nomi, ma non c'è foglia d'erba che non lo riconosca. Siam venuti assieme sulla terra, perchè non spartirne gioie e dolori? Un saggio Sufi.
http://www.gundamuniverse.it/blog/
iesDbr
Moderatori
Generale
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 16589



WWW

Nuovo messaggio
« Risposta #9 il: 11 Maggio 2007, 08:22:28 »

Gente ma nessuna notizia di un'eventuale edizione con sottotitoli italiani,almeno??

Bisognerebbe dare una scorsa nelle edizioni inglesi..qualche volta saltano fuori delle sorprese...
Loggato

Dio è ovunque ed ha mille nomi, ma non c'è foglia d'erba che non lo riconosca. Siam venuti assieme sulla terra, perchè non spartirne gioie e dolori? Un saggio Sufi.
http://www.gundamuniverse.it/blog/
iesDbr
Moderatori
Generale
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 16589



WWW

Nuovo messaggio
« Risposta #10 il: 08 Settembre 2007, 08:24:10 »

A proposito di Robotech..questo sembra uno special su shado Cronicles...peccato averlo trovato proprio oggi

 


ed un promo

 


molto interessanti...
Loggato

Dio è ovunque ed ha mille nomi, ma non c'è foglia d'erba che non lo riconosca. Siam venuti assieme sulla terra, perchè non spartirne gioie e dolori? Un saggio Sufi.
http://www.gundamuniverse.it/blog/
lucrezius
Visitatore

Nuovo messaggio
« Risposta #11 il: 31 Ottobre 2007, 20:06:01 »

A r g H.
Loggato
iesDbr
Moderatori
Generale
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 16589



WWW

Nuovo messaggio
« Risposta #12 il: 30 Marzo 2008, 21:00:55 »

Facciamo risalire questo Post perchè probabilmente sarà ben utile  prossimamente,incrociamo le dita ^______^
Loggato

Dio è ovunque ed ha mille nomi, ma non c'è foglia d'erba che non lo riconosca. Siam venuti assieme sulla terra, perchè non spartirne gioie e dolori? Un saggio Sufi.
http://www.gundamuniverse.it/blog/
matte
Visitatore

Nuovo messaggio
« Risposta #13 il: 30 Marzo 2008, 21:55:04 »

diciamo che ne so qualcosa...

^_____________^
Loggato
iesDbr
Moderatori
Generale
*
Offline Offline

Sesso: Maschile
Posts: 16589



WWW

Nuovo messaggio
« Risposta #14 il: 31 Marzo 2008, 06:08:42 »

Citato da: t"emta"
diciamo che ne so qualcosa...

^_____________^


Matteo!!

Il solito. Poi fateci sapere.
Loggato

Dio è ovunque ed ha mille nomi, ma non c'è foglia d'erba che non lo riconosca. Siam venuti assieme sulla terra, perchè non spartirne gioie e dolori? Un saggio Sufi.
http://www.gundamuniverse.it/blog/
Pagine: [1] 2   Vai Su
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 0.112 secondi con 19 queries.