Come contribuire e come pubblicizzare GundamPedia
Alcune statistiche sulla GundamPedia e le ultime novità

SP01 - Helgi

Unità mobile fizionale presente nel metaverso “Ashes of the War” dell'Ultimate Universe.

Apparizioni: MSG:Ashes of the War - MSG:Rise from the Ashes - Die weiße Königin

Mobile Suit delle Guerre Coloniali (2015 - 2045 AD)

SP-01 Helgi

Scheda Storica

Il programma Schutzpanzer. Con il lento esaurirsi del programma di costruzione delle colonie spaziali la Reichswehrmacht intraprese un proprio programma di riarmo, culminato nella cosiddetta operazione Alberich.

Durante la realizzazione delle grandi isole spaziali il Quarto Reich aveva fatto esteso impiego di macchine antropomorfe chiamate Wanderer, Work Suit (WS) secondo la successiva codifica NATO. I WS si erano dimostrati estremamente versatili, in grado di svolgere pressoché tutti i complessi task richiesti dall’attività di costruzione ed assemblaggio delle colonie. Vuole la leggenda che, durante la costruzione delle colonie, gruppi di Wanderer entrati in conflitto fra di loro - del resto, per questioni mai del tutto chiarite, dimostrassero le inaspettate potenzialità belliche di tali veicoli.

Rudolph Rahl propose alla ReichsMotorWerke (RMW) di dedicare una delle loro linee produttive, la cosiddetta BAU114, alla preparazione di unità modificate per l’esclusivo impiego bellico. Alla progettazione di tali nuove unità furono assegnati diversi ricercatori del gruppo di Oleg Christiansen, il geniale ingegnere autore dei progetti iniziali dei carri Donner, nonché delle prime corazzate spaziali.

“Il suo nome sarà Helgi”. Nonostante la Reichswemacht riponesse massima fiducia nel progetto Schutzpanzer, il governo centrale fu inizialmente riluttante a garantire uomini e risorse energetiche o finanziarie al suo sviluppo. Fino alla fine degli anni ’60, le alte sfere militari del Reich furono infatti dominate dai reduci della Seconda Guerra Mondiale, tenacemente ancorati a principi - quali quello della guerra aerea, del conflitto di carri armati, e così via, che mal si sposavano al rimescolamento delle carte che il vasto impiego dei MS avrebbe imposto a tutti i contendenti.

A cambiare le cose fu l’ascesa alla massima soglia di comandante della Wehrmacht di Saulius Surenas, giovanissimo erede di una famiglia nobiliare lituana i cui genitori erano stati fiancheggiatori del Reich durante la Seconda Guerra Mondiale. Surenas, contando sulla crescente influenza della famiglia Zabi, nonché sull’appoggio incondizionato dei Gato e di buona parte degli Jüncker nazisti, poté diventare Oberkommandatur der Reichswehermacht (comandante in capo della Wehrmacht) all’età di soli 32 anni, nel 1971. Evento che sarebbe stato decisivo per le sorti del conflitto. Il trattato di Surenas “Impiego dei Wanderer in operazioni militari di combattimento” sarebbe diventato un classico delle accademie militari naziste, nonché la base fondante della futura operazione Klausewitz. Nel suo trattato, Surenas preconizzava unità di combattimento antropomorfe, di altezza compresa fra i 16 ed i 18 metri, in grado di

“… muoversi veloci come un caccia, di possedere la resistenza al fuoco nemico di un carro armato, e la potenza d’attacco di una grande corazzata e che, in virtù della propria versatilità operativa, avrebbero permesso di sviluppare nuove tecniche militari, in grado di rendere del tutto obsoleto quanto visto fino a quel momento su tutti i campi di battaglia”.

Ovviamente Surenas sponsorizzò senza mezzi termini l’operazione Alberich, di cui divenne per molto tempo il più acceso sostenitore, spingendo la RMW a portare a termine - fra il gennaio ed il marzo del 1971, il primo prototipo funzionante di SP. Al quale fu posto il nickname di Helgi, in onore di un gigantesco eroe delle più antiche saghe nordiche. L’Helgi, in effetti, rispetto ai suoi successori, appariva quantomeno gigantesco: alto più di 20 m, con un peso a secco superiore alle 70 tonnellate, sembrerebbe semplicemente goffo a quanti siano abituati alle linee eleganti e raffinate dei più moderni MS. Inoltre, anche il suo armamento appariva del tutto primitivo. Per ragioni di economia, la cosiddetta Einheit 01, il modello sul quale furono condotti i primi, estesi test, era dotata soltanto di un cannone standard di 112 mm, di derivazione Wehrmacht, cui - in un secondo momento, fu aggiunta la prima arma termica di cui si abbia memoria.

Durante gli studi dedicati allo sviluppo del Marium, la lega speciale successivamente impiegata nei MS del Reich, si era infatti notato come la resistenza alla trazione della stessa aumentasse in modo esponenziale se attraversata da corrente elettrica e, conseguentemente, portata a calore elevato. L’Helgi fu quindi dotato di un artiglio termico, la cui efficacia fu evidentissima sin dal roll-out.

I limiti dello sviluppo. Nel 1971 il Reich non disponeva ancora di contatti regolari con il territorio marziano. Per questo motivo, la maggior parte dei test fu condotta prevalentemente in territorio coloniale, nel cosiddetto Raumdorf Sieben (RD7), futuro Side 7, un cui bunch era integralmente dedicato ai test militari.

Le prime prove dell’Helgi diedero un esito nettamente positivo. Il reattore Minowsky ultra-compatto (uno dei primi del suo genere) si dimostrò affidabile ed efficiente, ed i primi test confermarono l’assoluta, inattesa efficacia dello SP contro qualsiasi genere di veicolo convenzionale all’epoca disponibile. Secondo i pochi rapporti sopravvissuti alla Prima Guerra Coloniale, le prime due unità di Helgi completate (la Einheit Eins, e la Einheit Null Zwei - o 02) riuscirono ad annientare qualcosa come dodici carri armati da battaglia in meno di dieci minuti, riportando danni del tutto superficiali. Certamente il test era condotto in ambiente ed in condizioni del tutto controllati, tuttavia il suo esito fu spinse l’OKW a ri-finanziare il progetto, permettendogli di sopravvivere alla prematura morte di Surenas, avvenuta nel 1974.

Ciò detto, le prestazioni dell’Helgi sono state spesso oggetto di favole piuttosto che di una seria analisi. Il “padre di tutti i Mobile Suit” non poteva essere considerato come una vera e propria unità da combattimento, né la direzione della Wehrmacht s’illudeva a tale proposito: difficilmente una battaglia condotta contro i nuovi Tank americani e russi avrebbe sortito gli stessi risultati - senza contare i nuovi e letali elicotteri da combattimento, che tanto male avrebbero fatto ai Lohengrin durante la Prima Guerra Coloniale. D’altro canto, la struttura interna dell’Helgi era troppo complessa perché si potesse pensare di avviarne una produzione in serie. Per questo motivo, nonostante gli stessi piloti commentassero positivamente la versatilità del progetto, queste furono incorporate in un progetto totalmente nuovo, l’SP02 Averla, piuttosto che in un ipotetico SP01 Mark II. In effetti, la progettazione e la produzione di pre-serie dell’Averla era già iniziata quando l’Helgi completava l’ultima fase del roll-out.

A causa dello spaventoso costo unitario dei modelli, dell’Helgi furono prodotte solo cinque unità, fra loro molto diverse per dotazione e prestazioni. Di esse, quattro furono smantellate al termine degli anni ’90, restando solo la cosiddetta “Einheit Null Zwei” (unità 02) a disposizione di curiosi e ricercatori, e per questo motivo consegnata al Museo della Scienza e della Tecnica di Loum.


Scheda Tecnica

  • Codice: SP01
  • Nickname: Helgi
  • Modello: MS da combattimento (prototipo)
  • Produttore: Reichsmotorwerke
  • Anno di roll-out: 1971 AD
  • Periodo di produzione: -
  • Chief Designer: Oleg Christiansen
  • Reparti di assegnazione: -

  • Altezza: 20.4 m
  • Stazza: 77.3 t (pieno carico operativo)
  • Corazza: corazza frontale e dorsale in lega Acciaio-Titanio
  • Generatore: reattore di tipo MinowskyA a singola bobina di fusione

  • Armamento:
  • 1 x artiglio termico
  • 1 x cannone mitragliatore a braccio a fuoco rapido tipo 01KE (112 mm, 20 colpi al minuto, rastrelliera con 30 colpi)

  • Sistemi informatici:
  • Computer da combattimento modello SP.EC.TRUM 01
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at del.icio.us
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Digg
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Reddit
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Ask
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Google
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Netscape
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Rojo
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Socializer
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at StumbleUpon
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Technorati
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Live Bookmarks
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Yahoo! Myweb
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Faves
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Facebook
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Yahoo! Bookmarks
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Twitter
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at myAOL
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Slashdot
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Diigo
  • Bookmark "SP01 - Helgi" at Segnalo

Tools personali